Alla ricerca del canto perduto

La crostata fresca è la degna conclusione della cena che la Slowcanda ci ha offerto. Allungando la mano per prenderne un ultimo pezzo, pensiamo già un po’ assonnati ai nostri comodi sacchi a pelo. Ad un tratto, due voci forti e intonate ci scuotono dal torpore: “Bello è lo maro e bella è la marina…” un canto popolare nel dialetto di Macerata, che rievoca l’abitudine antica di cantare insieme. A intonarlo è una coppia di ragazzi, mentre tutta la tavolata li ascolta, improvvisamente in silenzio. Continue reading →

La Casa degli Artisti (11^ Tappa, da Piobbico alla Gola del Furlo)

Una ninfa si allunga verso l’acqua, il corpo longilineo piegato nell’atto di tuffarsi, sospesa ad un’altezza di 56 metri dalla superficie del fiume. Le sue braccia sono protese nella caduta, ma non fenderanno mai l’acqua. La donna si limita a dondolare dolcemente nel vento. Lo scultore Antonio Sorace sta ritoccando con cura il traliccio curvo che la sostiene, tingendo d’oro i nodi di giunzione della struttura. Continue reading →

Alla Slowcanda il tempo si è fermato (9^ e 10^ tappa, da San Piero in Bagno a Piobbico)

Fuori piove a dirotto. Siamo arrivati da poco, bagnati fradici, e seduti attorno a un vecchio tavolo in legno colorato sorseggiamo una tisana calda accompagnata da una torta fatta in casa. Nel tavolo di fianco al nostro una coppia di arrampicatori progetta la via da affrontare domani. Nella sala accanto due anziane signore tirano la pasta con il mattarello in legno, per preparare i ravioli.

All’improvviso si apre la porta ed entra… un cucciolo di capriolo, seguito da una bimba che lo abbraccia.

Continue reading →

Bocca di Rosa è una mucca (#ItaliaML 4^ Tappa, da Sala Baganza a Maranello)

Il nostro viaggio verso Maranello procede spedito e bagnato solo da qualche goccia d’acqua: presto il sole torna a splendere, e l’unico momento negativo è la partenza di Daniele, che salutiamo con un aperitivo bagnato da un fantastico Prosecco. Dopo una foto di rito davanti alle vigne della frazione di Lambrusco e qualche salita, che ci permette di ammirare il paesaggio emiliano, giungiamo finalmente a Ca’Penelope, una cascina alle porte di Maranello che ci incanta fin dal primo sguardo. Continue reading →