Sotto la pioggia (#ITER – 3^ Tappa)

Una delle differenze fondamentali tra un viaggio in bicicletta e un’escursione di giornata è il rapporto con il tempo atmosferico. L’escursionista può permettersi di rimanere a casa se le condizioni meteo sconsigliano l’uscita, mentre il viaggiatore in genere parte in qualunque condizione atmosferica, purché ciò non comporti dei pericoli.

La regola vale anche per il nostro “piccolo viaggio”: da giorni il meteo prevede pioggia nella giornata di domenica, e quando partiamo siamo già moralmente e tecnicamente pronti ad affrontarla. Non si fa attendere: appena raggiungiamo l’argine del Rodano per dirigerci verso nord le prime goccioline di pioggia nebulizzate nel forte vento ci fanno capire che è arrivato il momento di indossare le giacche a vento.

2014-07-20-Martigny-Chatel-005

L’intensità della pioggia cresce verso Saint Maurice, dove incontriamo Frederic, il nostro “angelo custode” che ci segue con l’auto d’appoggio. Dopo una breve visita alla bellissima abbazia, uno dei gioielli della Via Francigena, ripartiamo verso Montey, lungo un tranquillo percorso pianeggiante.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Iniziamo quindi la lunga salita che ci porta verso Morgines, ultimo villaggio svizzero prima del confine. Qui ci aspetta una gradita sorpresa: una gara di downhill in mountain bike ci regala qualche scatto interessante prima di proseguire verso l’ultima parte del viaggio.

Entriamo quindi in Francia, e raggiungiamo Chatel, dove avremmo dovuto partecipare alla premiazione del bike festival, purtroppo annullato per il maltempo.

Noi, bagnati ma felici per le tre belle giornate trascorse insieme, ci concediamo una foto di gruppo finale prima di rintanarci in un ottimo ristorante.

2014-07-20-Martigny-Chatel-079

La descrizione della tappa

Se non visualizzi bene o se vuoi scaricare la traccia GPS clicca qui